Isoflavoni – gli ormoni della soia

Isoflavoni- gli ormoni della soia
Grazie alla loro azione gli asiatici si ammalano meno di tumore

Sappiamo che la soia è un legume, e come tale è fonte di proteine e ferro, ma contiene anche molecole “attive” capaci di regolare interi processi nel nostro organismo.

Uno studio ha dimostrato che una dieta tipicamente asiatica, quindi caratterizzata da un largo consumo di soia, consente di ridurre il rischio di alcuni tumori, grazie all’azione degli isoflavoni.

Cosa sono gli isoflavoni?

Si tratta di ormoni vegetali, contenuti nei cereali integrali, nelle noci, nei legumi e in particolare nella soia; questi hanno la capacità di mimare l’azione dei nostri estrogeni, legandosi ai loro recettori. Hanno inoltre la capacità di interagire direttamente con il DNA, regolandone i meccanismi di espressione, con un effetto preventivo nell’insorgenza dei tumori ormono-dipendenti, come quello al seno e alla prostata.

Lo studio ha dimostrato che le donne americane, di origine cinese o giapponese o con nonni trasferitisi in occidente, presentavano un aumentato rischio. Ciò dimostra l’influenza dello stile di vita e dell’alimentazione sullo stato di salute.

Un bene che si tramanda: l’esposizione multi-generazione e pre-puberale sembra modulare la morfologia mammaria, riducendo la suscettibilità di tumore al seno.

Laura Erba  Dott.ssa in Scienze dell’alimentazione e della Nutrizione Umana.